Vittima di uno stupro di gruppo, una ragazza di 13 anni, trova i suoi 8 aggressori grazie a Facebook

Vittima di uno stupro di gruppo, una ragazza di 13 anni, trova i suoi 8 aggressori grazie a Facebook

31 Maggio 2019 Off Di Vera Santoro

Vittima di uno stupro di gruppo, una ragazza di 13 anni trova i suoi 8 aggressori grazie a Facebook.

Loading...

La ragazzina, aveva trascorso una giornata spensierata insieme ai suoi amici a Velbert, una città della Germania occidentale.

Mentre ritornava a casa, 8 ragazzi, le hanno teso un’imboscata. L’hanno trascinata in una zona isolata e l’hanno violentata più volte a turno, filmando lo stupro.

Un amico della ragazza, quando si è accorto che ancora non era ritornata a casa, è andato a cercarla e l’ha ritrovata. Dopo la violenza gli otti amici, avevano abbandonato la ragazza ed erano tornati alla loro vita di sempre.

Loading...

Il ritrovamento della vittima

La piccola, giaceva a terra ed era sotto shock. L’amico, ha immediatamente chiamato i soccorsi e la povera vittima, è stata trasportata in ospedale. Qui è stata sottoposta agli esami di routine, che hanno accertato l’avvenuta violenza.

I carnefici ritrovati grazie a Facebook

Pochi giorni dopo l’incidente, la coraggiosa ragazzina, ha trovato i colpevoli su Facebook dopo aver riconosciuto uno di loro. Ha dato alla polizia l’immagine del ragazzo e il suo account facebook. Il sospettato è stato immediatamente rintracciato e arrestato.

Le autorità, hanno sequestrato immediatamente il telefonino del ragazzo, ed ha ritrovato le immagini dello stupro.

vittima

Proprio grazie a quei filmati, la polizia, è riuscita ad indentificare ed arrestare anche gli altri ragazzi. 

Sei degli otto criminali, hanno una età compresa tra i 14 ei 17 anni. Hanno cercato di difendersi, affermando che la vittima di 13 anni aveva dato loro il consenso , ma alla fine sono stati dichiarati colpevoli e condannati,

Arrestati e messi in prigione. La vittima ha avuto giustizia

I ragazzi, sono tutti di origine bulgara. Due di loro, erano fuggiti in patria per cercare di evitare la detenzione, ma sono stati arrestati in Bulgaria ed estradati in Germania.

Il principale sospettato, di 15 anni, è stato condannato a quattro anni e nove mesi di carcere dopo che il tribunale ha dimostrato di aver violentato la ragazza due volte.

Loading...