Una bambina di 6 anni non riusciva a respirare, poi i medici hanno scoperto un qualcosa di allucinante nella sua gola …

Una bambina di 6 anni non riusciva a respirare, poi i medici hanno scoperto un qualcosa di allucinante nella sua gola …

11 Gennaio 2019 Off Di Vera Santoro

Una bambina di 6 anni non riusciva a respirare, poi i medici hanno scoperto un qualcosa di allucinante nella sua gola.

Una bambina di sei anni è stata ricoverata d’urgenza qualche tempo fa, nel reparto ORL dell’ospedale universitario Ibn Rochd di Casablanca.

La bimba era da un pò di tempo che aveva disturbi alla gola, ma non sembrava nulla di patologico. Un giorno improvvisamente i genitori si sono accorti che la piccola aveva difficoltà a respirare ed era sopraggiunta anche una copiosa emottisi.

La bimba tossiva continuamente ed ogni volta perdeva sangue.

L’emottisi dal greco αἷμα hàima, “sangue” e πτύσις ptǘsis, “sputo” è l’emissione di sangue dalle vie respiratorie, solitamente attraverso un colpo di tosse.

Loading...

Le condizioni della piccola stavano peggiorando velocemente. Decisero quindi di sottoporla immediatamente a tutti gli accertamenti del caso.

L’esame

Per scoprire le ragioni delle sue difficoltà respiratorie e di questa perdita di sangue, i professionisti furono costretti a eseguire una endoscopia nasale.

Introdussero quindi una fibra ottica in una delle narici della ragazza per vedere cosa stava accadendo nella sua gola, nella laringe e nella sua cavità orale.

Fu così che scoprirono con loro grande stupore, una enorme massa scura e brillante ben installata nella parte posteriore della gola della ragazza!

Cos’era?

Era una sanguisuga. La ragazza fu subito operata con urgenza, alfine di rimuovere l’animale.  I medici scoprirono che l’animale era lungo ben 6 centimetri!

Ma come è stato possibile?

I genitori spiegarono, che la loro figlia, era abituata a nuotare nel fiume e un giorno giocando, aveva bevuto dell’acqua. L‘episodio era avvenuto due mesi prima, che la piccola stesse male.

I medici, hanno quindi supposto che la sanguisuga, di dimensioni minuscole, nel momento dell’ingestione, sia sopravvissuta nutrendosi del sangue della piccola.

Le sanguisughe


-Le sanguisughe, chiamate anche mignatte, sono dei vermi appartenenti alla specie degli Anellidi e hanno la particolarità di nutrirsi del sangue . Vivono in luoghi umidi e paludosi come ruscelli o stagni, fiumi. Sopravvivono grazie alle sostanze nutritive dell’animale a cui si aggrappano. Grazie a una molecola che secernono, il sangue delle loro “vittime” non si coagula, il che consente loro di “nutrirsi” in modo permanente.

Loading...