loading...
Ruba la carta di credito dei genitori, per pagare un killer che li deve uccidere

Ruba la carta di credito dei genitori, per pagare un killer che li deve uccidere

17 Ottobre 2019 Off Di Vera Santoro

Ruba la carta di credito dei genitori, per pagare un killer che li deve uccidere

loading...

I figli e le lotte

loading...

E’ indubbio, che i figli siano la cosa più cara che un genitore possa avere, ma è così anche per i figli?

Da sempre, c’è un momento in cui il rapporto genitore-figlio, si incrina e le contestazioni e i litigi, possono diventare pane quotidiano, ma poi il tempo, la maturità e l’amore ripiano ogni screzio e ritorna la pace in famiglia.

Ad una certa età, quella dell’adolescenza, tutti ci siamo sentiti invincibili, abbiamo creduto di conoscere il mondo, di sapere tutto noi e ci andavano strette le regole. Poi con il tempo, la vita ci ha fatto capire, che proprio grazie a quelle regole, siamo diventati gli adulti consapevoli che siamo oggi.

Purtroppo la storia che vi andiamo a raccontare, è il peggior incubo di ogni genitore

Ruba la carta di credito

Alyssa Michelle Hatcher, della Florida,  di 17 anni, invece ha creduto che per risolvere i suoi problemi, fosse necessario commettere due crimini, di cui il secondo, definirlo orrendo e contro natura, è poco.

La ragazza, ha rubato la carta di credito dei suoi genitori e poi ha effettuato due prelievi. Il primo di 503 dollari le sarebbero serviti per l’acquisto della droga e per pagare un killer, che avrebbe dovuto uccidere i suoi genitori.

ruba

Per fortuna il giovane ingaggiato per commettere il delitto, all’ultimo momento, si è dileguato e non ha commesso il duplice delitto.

A questo punto Alyssa, non paga di aver raggiunto il suo scopo, ha effettuato un secondo prelievo di 926,40 dollari e si è messa alla ricerca di un nuovo killer.

Per fortuna proprio durante l’accordo con il secondo killer, è intervenuta la polizia.

La denuncia

A denunciare la ragazza, è stato un amico del primo killer, che quando è venuto a conoscenza di come l’amico si fosse procurato tutti quei soldi, non ci ha pensato un solo momento e si è rivolto alle autorità.

La polizia, ha subito arrestato la ragazza e dopo la sua confessione, l’ha trasportata nella prigione della Contea del Lago dove è stata processata e consegnata al dipartimento di giustizia minorile.

I genitori sono rimasti sconvolti, quando hanno appreso cosa la figlia, avesse intenzione di fare, ma hanno dichiarato, che le resteranno accanto.

loading...