Otite: “Bimbo muore, perchè i genitori non vollero somministrargli le medicine tradizionali!”

Otite: “Bimbo muore, perchè i genitori non vollero somministrargli le medicine tradizionali!”

12 Giugno 2019 Off Di Vera Santoro

Otite: “Bimbo muore, perchè i genitori non vollero somministrargli le medicine tradizionali!”

L’ otite si è trasformata in encefalite

La vita del piccolo Francesco Bonifazi, di Cagli (Pesaro Urbino) , si è spenta molto presto a causa della negligenza dei suoi genitori e del medico curante. Entrambi si rifiutarono di somministrargli gli antibiotici, di cui il piccolo aveva bisogno.

otite

Il processo a carico dei genitori, si è svolto qualche giorno fa ed ha portato alla condanna degli stessi.

Il tribunale, ha deciso di condannarli a tre mesi reclusione, per “Concorso in omicidio colposo”, con pena sospesa, perchè i genitori hanno scelto il rito abbreviato. Comunque i due genitori, hanno deciso di presentare un appello alla sentenza.

Loading...

Il piccolo era affetto da una infezione all’orecchio. L’infezione, non curata adeguatamente, passò al sistema nervoso del bambino, provocando una encefalite, che causò la sua morte.

Quando i genitori, si resero conto che il figlio era grave, lo trasportarono presso l’ospedale Salesi. I medici provarono a salvarono con un intervento di urgenza, ma tutto fu inutile.

I genitori del bimbo di 7 anni

I genitori, Marco Bonifazi Maristella Olivieri,  si erano rifiutati di somministrare al piccolo, gli antibiotici tradizionali, prescritti da un otorino. Si rivolsero invece ad un medico omeopatico, il dottor Massimiliamo Mecozzi.

Il medico, Massimiliamo Mecozzi, dovrà presentarsi in tribunale il 24 settembre c.a. L’accusa, è quella di presunto reato di omicidio, per aver agito con “negligenza”.

Infatti gli viene contestato il fatto di aver violato lo stato di protocollo, imposto dalla branca della medicina omeopatica. Il protocollo sostiene, che se la terapia entro cinque giorni dalla sua somministrazione, si mostra inefficace, bisogna passare ad un trattamento convenzionale.

I genitori in sede processuale, si sono difesi, sostenendo che non avevano e non hanno un approccio ‘integralista’ contro la medicina tradizionale, ma che erano preoccupati per il figlio. Infatti il bimbo che si ammalava frequentemente, era spesso sottoposto a cure antibiotiche.

Inoltre i Mecozzi, erano certi di aiutare il figlio. In passato avevano avuto buoni risultati dalle cure omeopatiche a cui si erano sottoposti e che avevano sommistrato al piccolo.

Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha tenuto a precisare che nel 2019 non è accettabile che si possa morire per una otite.

Loading...