La nuova tendenza dei “social network” si trasforma in dramma: un uomo muore dopo essere stato spinto da un ponte

La nuova tendenza dei “social network” si trasforma in dramma: un uomo muore dopo essere stato spinto da un ponte

13 Aprile 2019 Off Di Vera Santoro

La nuova tendenza dei “social network” si trasforma in dramma: un uomo muore dopo essere stato spinto da un ponte

La vittima, è morta annegata.

Per seguire la nuova tendenza che sta impazzando sui social network, dei ragazzi, spingono uno sconosciuto da un ponte mentre un filmano tutta la scena.

la nuova tendenza

Nel corso di questi anni, abbiamo assistito ad ogni forma di nuova moda o tendenza, o comportamento, che come un onda ha coinvolto tutti i social media e gli utenti.

Una nuova tendenza, sta impazzando tra i ragazzi di tutto il mondo. Se i social media sono un mezzo di comunicazione a volte anche essenziale, purtroppo sono anche, una cassa di risonanza per emulare azioni terribili.

Loading...

Questo nuovo stupido gioco, per quello che si sa fino a questo momento, ha già provocato una vittima e molti casi di infortuni.

Una tendenza che è diventata virale sui social network

La scena orribile è stata immortalata, nella città di Dnipro, in Ucraina. Due giovani di 26 e 23 anni (una età che si presume comporti una certa maturità), hanno deciso di realizzare un video sensazionale per i social network.

Hanno deliberatamente colpito e spinto uno sconosciuto di 48 anni nel fiume. Non sapendo nuotare, la vittima è morto annegato. Il suo corpo è stato trovato solo ore dopo.

Si perchè i vigliacchi, non hanno tentato nemmeno di aiutarlo, quando hanno visto che il povero uomo era in difficoltà.

Il filmato dura solo pochi secondi.

“Il terrore negli occhi dell’uomo, la forza nel cercare di sopravvivere”

Potremmo riassumere così questo filmato che dura qualche secondo. L’uomo tenta di aggrapparsi disperatamente alla ringhiera del ponte, chiedendo aiuto proprio ai suoi carnefici, che rimangono indifferenti alla sue suppliche, anzi lo colpiscono ripetutamente.

Sapete cosa hanno fatto questi due esseri immondi, invece di aiutare il malcapitato che avevano spinto?

Hanno pensato bene di fare un primo piano della faccia terrorizzata dell’uomo, ritenendo che sarebbe stato un successo poi postare il video sui social! Hanno esultato pensando ai clic che avrebbero ricevuto!!!

Un primo piano della faccia terrorizzata della loro vittima sarebbe stata un successo e loro si sarebbero potuti vantare con i loro amici. Secondo i testimoni, c’è stato un combattimento prima che gli aggressori colpissero e spingessero la vittima in acqua.

Si perchè il povero uomo, ha cercato di non cadere in acqua, aggrappandosi alla ringhiera del ponte, ma i due assassini lo hanno ripetutamente colpito al volto per fargli perdere la presa.

E se non c’è un ponte?

Non importa, basta che il filmato contenga una aggressione.

Sfortunatamente, questa è una tendenza pericolosa che è diventata virale. L’obiettivo è commettere atti violenti su un individuo,  filmare la scena con un telefono cellulare e condividerla sui social network. Tutto questo per ottenere il maggior numero di “clic”.

Il vice presidente della polizia nazionale ucraino Vyacheslav Abroskin, ha subito comunicato, che i giovani sono stati rintracciati, grazie ad alcuni testimoni ed ora sono attualmente detenuti in carcere e indagati per omicidio .

Se da un lato c’è la soddisfazione che questi due esseri immondi sono stati arrestati, dall’altra c’è l’angoscia per la perdita della vita di un uomo innocente.

In noi sorge una domanda, che riteniamo sia più che lecita:

“Esiste ancora l’essere umano dotato di un cuore e di un cervello, o viviamo in un mondo di smidollati senza attributi e senza sentimenti?”

Loading...