Hotel: una camierera trova un biglietto con su scritto”Sono stato rapito, aiutatemi!”

Hotel: una camierera trova un biglietto con su scritto”Sono stato rapito, aiutatemi!”

13 Marzo 2019 Off Di Vera Santoro

Hotel: una camierera trova un biglietto con su scritto”Sono stato rapito, aiutatemi!”

Spesso i ragazzi sono incoscienti e quindi non si rendono conto delle loro azioni e cosa possono provocare le loro bravate.

Una famiglia

Una famiglia tedesca, che stava passando le vacanze in Polonia con il figlio undicenne, si è trovata all’improvviso circondata dalla polizia, che li ha portati in commissariato dove hanno trascorso molte ore.

Cosa è successo?

Tutti avevano notato il ragazzino e tutti avevano anche notato che mentre i genitori si stavano rilassando godendosi la vacanza, il bambino sembrava annoiato.

Loading...

Era sepre in giro, sempre in movimento, a volte disturbando anche gli altri clienti. Evidentemente la fervida immaginazione del piccolo ospite, ha trovato realtà quando ha deciso di compiere un gesto insolito.

Ha messo in una bottiglia vuota, un messaggio dal contenuto scioccante.

Presumiamo e speriamo, che forse non si sia reso conto di ciò che stava facendo e delle eventuali conseguenze.

La cameriera dell’hotel la mattina andò a rifare la camera e trovò una bottiglia vuota che conteneva un foglio di carta. Insospettita, estrasse il foglio e lesse quello che c’era scritto. Immediatamente, avvertì il direttore, che a sua volta chiamò le forze dell’ordine.

“Caro sconosciuto, sono stato venduto da mio padre, per favore aiutami”

La polizia cercò la famiglia, ed immediatamente la portò in commissariato. E’ stato solo qui, dopo lunghe ore di interrogatori e ricerche che finalmente, il ragazzino, ha detto che voleva essere solo uno scherzo e non pensava di scatenare un tale putiferio.

La polizia, dopo aver contattato le autorità tedesche e fatte tutte le dovute verifiche, ha riscontrato che in effetti il figlio si era inventato tutto. Tomasz Kwaśnik della polizia di Kołobrzeg ha riferito:

I genitori, hanno dichiarato che era stato il loro figlio a scrivere quella lettera. La madre inoltre ci disse che il ragazzo spesso aveva l’abitudine, di trascrivere varie citazioni dei libri che leggeva.”

Il ragazzo ha ammesso di aver escogitato questo scherzo, perchè era annoiato, ma che non aveva pensato che potesse avere conseguenze così spiacevoli!

Speriamo che in futuro non gli venga in mente più un’idea simile!

Loading...