Alla nascita, la testa del figlio è rimasta nel grembo della madre. Il dottore ha sbagliato una manovra, ed ha……

Alla nascita, la testa del figlio è rimasta nel grembo della madre. Il dottore ha sbagliato una manovra, ed ha……

14 Aprile 2019 Off Di Vera Santoro

Alla nascita, la testa del figlio è rimasta nel grembo della madre. Il dottore ha sbagliato una manovra, ed ha……

L’inizio di un incubo

Laura Gallazzi ha vissuto un vero e proprio incubo, che non augura nemmeno al suo peggior nemico.

Desiderava con tutta se stessa diventare mamma e quando scoprì che le sue preghiere erano diventate realtà, le sembrò di toccare il cielo con un dito.

Si sentiva che il piccolo che portava in grembo, era un maschio e ne era così certa da scegliere da subito solo un nome maschile. Il bimbo si sarebbe chiamato Steven.

Loading...

Più le settimane passavano, più sentiva crescere quel piccolo esserino dentro di lei.

Non sarebe più stata capace di immaginare la sua vita senza di lui. Sfortunatamente, tutti i suoi sogni e le sue aspettative, si infransero in solo attimo.

Alla nascita il sogno si trasformò in un incubo.

Purtroppo alla 25 settimana, improvvisamente Laura, ebbe dei problemi, per cui fu costretta a correre al pronto soccorso dell’ospedale,
Ninewells Hospital a Dundee

Era molto presto, ma tutti tenevano le dita incrociate e credevano che il bambino sarebbe sopravvissuto. Sfortunatamente, l’errore del medico che prese in consegna la donna, cambiò la vita di Laura portandola all’ inferno. Da quel momento, niente sarebbe mai stato come prima.

La dottoressa Vaishnavy Laxman

La dottoressa Vaishnavy Laxman, di origini indiane, si rifiutò di praticare qualsiasi intervento su Laura, sostenendo che da secoli le donne hanno sempre partorito in modo naturale.

Nonostante il parto si presentasse difficile, lei decise, che il piccolo sarebbe dovuto nascere in maniera naturale. Adottò una presa così forte, nel cercare di estrarre il bimbo, che letteralmente lo decapitò. Infatti uscì solo il corpicino del piccolo, mentre la sua testa, rimase nel ventre della madre!

L’intera storia, è stata il peggior incubo che una madre possa vivere e qualsiasi persona possa immaginare. I medici, dovettero ricucire la testa al corpo del neonato, in modo che la mamma potesse dirgli addio …

Laura a distanza di tempo non si è mai ripresa

I genitori di Steven, da quel giorno, vivono un vero e proprio incubo. Ci provano, a vivere una vita normale, ma niente è più come prima. Il corpo del loro figlio è stato cremato e le sue ceneri sono state poste in un’urna che è stata messa in un orsacchiotto di peluche.

alla nascita fu decapitato

Oggi la donna si sta battendo, affinchè le ceneri del suo bimbo riposino in un cimitero. Purtroppo per la legge britannica, il suo Steven, non può essere considerato una persona, in quanto è nato troppo presto e per giunta al momento della nascita non avendo più la testa, non respirava!

Per questo, non può essere sepolto come un essere umano ….

Laura e la nascita

Laura non riesce a riconciliarsi con la vita e con tutto quello che ha vissuto, nè che non riesca a dare una degna sepoltura al suo Steven. Sul suo corpo si è fatta tatuare l’impronta e le mani di suo figlio, così come la data della sua nascita e della sua morte.

Loading...